Ultima modifica: 9 Settembre 2021

Ministero dell’Istruzione

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO TITO LIVIO

LARGO FERRANDINA A CHIAIA 3 – 80121 NAPOLI (NA)

Tel. 081400485  Fax. 081400485  – Codice Fiscale: 80033420631 Codice Meccanografico: NAMM04900V

E-mail namm04900v@istruzione.it          PEC: namm04900v@pec.istruzione.it

 

Prot. n. 2522/1.1.h                                                                                  Napoli,09/09/2021

AVVISO N. 4

Al Personale Docente

Ai Collaboratori Scolastici

e   p.c.   Agli Assistenti Amministrativi

e   p.c.   Al  D.S.G.A.

All’Albo

Oggetto : Dispositivo sull’obbligo di vigilanza e sulle norme di sicurezza Dispositivo sull’obbligo di vigilanza e sulle norme di sicurezza

A far seguito alla Circolare di inizio anno scolastico del 09/09/2021 con prot. n. 2523/1.1.h e dell’ avviso n.4 prot. N. /2020 del /09/2020 e   2521/1.1.h   del 09/09/2021 nelle quali questa dirigenza  aveva fornito precise indicazioni organizzative riguardanti l’inizio del nuovo anno scolastico e finalizzate ad  assicurare la vigilanza degli alunni, nonché a ridurre i rischi di eventi dannosi che possono verificarsi all’interno dell’Istituto Scolastico, con la presente  si intende precisare quanto di seguito indicato.

Si ricorda che l’obbligo di vigilanza è richiamato e precisato da specifiche norme di settore. Si richiama la fondamentale disposizione posta dall’art.61 della legge. 312/1980, norma che evidenzia la sussistenza di una responsabilità patrimoniale del personale  direttivo, docente, educativo, non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica dello Stato e delle istituzioni educative statali per danni arrecati direttamente all’amministrazione in connessione a comportamenti degli alunni nell’esercizio della vigilanza sugli alunni stessi,nonché per danni arrecati indirettamente all’amministrazione che risarcisca il terzo per danni subiti per comportamenti degli alunni sottoposti alla sua vigilanza.

Al dettaglio legislativo si aggiungano, con efficacia integrativa, le clausole della contrattazione collettiva (artt. 26,co.4, e 27, co. 1, del CCNL, comparto scuola sottoscritto il 24 luglio 2003, nonché gli artt. 27, 28 e 29 del CCNL comparto scuola sottoscritto il 29 novembre 2007, secondo cui gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati, oltre che nelle attività di insegnamento ed attività funzionali all’insegnamento, così come previsto dall’art. 20 del CCNL 2007, anche vigilanza ed assistenza degli alunni durante l’orario di attività didattica secondo l’art. 28, co. 10, del vigente CCNL.). Pertanto il quinto comma, del richiamato art. 29 CCNL 2007, considera funzionale all’insegnamento l’obbligo per gli insegnanti di trovarsi in classe cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni e di assistere all’uscita degli alunni medesimi e ciò al dichiarato scopo di assicurare l’accoglienza e la vigilanza e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi. Quest’anno, in periodo COVID-19, il docente dovrà trovarsi nel cortile d’ingresso, prelevare la propria classe ed accompagnarli in aula di destinazione. All’uscita i docenti dovranno  controllare se nell’area cortilizia ci sono i genitori dei propri studenti per la consegna, qualora non avessero il consenso all’uscita autonoma. Nel caso l’alunno/a dovesse essere prelevato/a e se il genitore non fosse presente all’uscita della scuola, il docente non ha l’obbligo di servizio di attendere l’arrivo del genitore, ma ha solo l’obbligo di segnalare al dirigente scolastico o al vicario o a un delegato della mancata presenza del genitore, consegnando lo studente alla vigilanza dei collaboratori scolastici.

Il personale docente non deve consentire, per nessun motivo, l’allontanamento dalla scuola dell’alunno/a durante le ore di permanenza a scuola, se non preventivamente autorizzato/a dalla direzione.

 I docenti di strumento musicale, per nessun motivo potranno consentire agli alunni, che dovranno continuare l’attività e  per i quali il dovere di assistenza e sorveglianza da parte dei docenti continua, di allontanarsi dalla scuola per comprare merenda o altro.

Per quanto concerne il personale ATA, invece viene in rilievo la tabella A – Area A  del CCNL del 2007, a mente del quale il personale inquadrato in tale profilo professionale è addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni, nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche e durante la ricreazione e del pubblico; OMISSIS; di vigilanza sugli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche, di custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti.

In linea sussidiaria e collaborativa, analoga obbligazione incombe sul personale ausiliario in virtù dell’art. 35, terzo comma, legge 289/2002 nonché della tabella A- Area A del CCNL 2007.

Si precisa altresì che secondo il consolidato orientamento della Suprema Corte, “l’obbligo di vigilanza sulla scolaresca (…) si estende dal momento dell’ingresso degli alunni nell’edificio scolastico a quello della loro uscita”, e quindi, comprende anche la ricreazione e l’intervallo tra una lezione e l’altra. L’obbligo di vigilanza permane anche dopo il termine dell’orario e ciò almeno fino a quando alla custodia dell’amministrazione non “si sostituisca quella effettiva o potenziale dei genitori”.

Vigilanza studenti nelle pertinenze della scuola prima dell’inizio delle lezioni

Esiste anche l’obbligo della vigilanza degli studenti nelle pertinenze della scuola prima del suono della campanella che consente l’entrata degli studenti all’interno delle aule. Devono essere i collaboratori  scolastici, ai sensi dell’art.44, comma 1, del CCNL scuola 2006/2009 a provvedere ai compiti di accoglienza e di sorveglianza connesse all’attività delle istituzioni, in rapporto di reciproca collaborazione con il dirigente scolastico e con il personale docente. In buona sostanza già mezz’ora prima dell’inizio delle lezioni, i collaboratori scolastici hanno assegnata la responsabilità della sorveglianza degli studenti che vengono lasciati dai genitori nell’area cortilizia della scuola.

Vigilanza studenti nei corridoi della scuola durante le lezioni

Si ricorda che la sorveglianza degli studenti che escono dall’aula per andare in bagno, è assegnata ai collaboratori scolastici che:

  • Dovranno assicurare la presenza nel corridoio di competenza, verificando le classi che rimangono scoperte  trattenendosi nelle zone adiacenti alle classi che non sono state ancora raggiunte dai docenti; segnaleranno, altresì, entro 5 minuti, dal suono della campanella, eventuali classi ancora scoperte.
  • Dovranno collaborare con i docenti, assicurando la vigilanza degli alunni al suono della campanella al fine di facilitare il raggiungimento della classe da parte degli insegnanti nel cambio d’ora.
  • Dovranno garantire la vigilanza degli alunni nei corridoi e nei bagni loro assegnati, senza abbandonare le proprie postazioni. In caso di necessità di allontanamento chiedere al collega di sostituirlo momentaneamente.
  • Dovranno assicurarsi che gli alunni che entrano in ritardo vengano accompagnati dai genitori o da un  delegato in Presidenza per giustificare l’ingresso ritardato.
  • I collaboratori designati con preciso ordine di servizio avranno cura di sorvegliare e vigilare gli alunni con la massima attenzione, al momento dell’uscita dalla scuola,  fino al completo deflusso.
  • Avranno cura di aprire i cancelli di ingresso, al mattino alle ore 7.50;  all’orario di uscita non prima delle ore 13.45 per evitare che estranei soggiornino nel cortile.
  • Devono assicurarsi che gli alunni e i genitori, al momento dell’ingresso a scuola, sostino nell’area destinata all’ingresso pedonale in modo da consentire al personale della scuola di poter accedere con l’autoveicolo e sostare nelle zone consentite.
  • Dovranno aver cura di mantenere libero il portone principale, per l’entrata e l’uscita, ed il portone della palestra, utilizzato in questo periodo Covid come secondo accesso. Evitare che i genitori possano sostare davanti all’ingresso/uscita e non consentire un regolare deflusso degli alunni. I genitori potranno attendere nell’area definita all’interno del cortile.

Si ricorda, altresì, a tutto il personale che, per motivi di sicurezza, l’entrata e/o l’uscita degli alunni dall’edificio dovrà avvenire dall’ingresso solo pedonale laterale su via Nisco, mentre l’ingresso e/o l’uscita degli autoveicoli dovrà avvenire dall’ingresso su Largo Ferrandina (di fronte agli uffici dei Carabinieri).

Al fine di salvaguardare l’incolumità dei discenti minori affidati, si sollecita tutto il personale ad attenersi scrupolosamente a tali disposizioni.

Nel ringraziare per la fattiva collaborazione, auguro buon lavoro a tutti.

f.to Il Dirigente Scolastico

prof.ssa Elena Fucci

Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, c.2 D.Lgs. n. 39/93